Seleziona una pagina

Arredo Urbano Smart

Nell’era del 5G i nostri elementi di arredo urbano possono avere funzionalità davvero sorprendenti. Scoprile assieme a noi!!

Schermi digitali

Wi-Fi con libero accesso a internet

Indipendenza energetica

Software dedicato

Ricarica dispositivi smart

Scelta delle colorazioni led

Un Tuffo Nella Tecnologia

Hotspot Wi-Fi

Gli elementi di arredo urbano possono diventare dei veri e propri hotspot (ovvero luoghi aperti al pubblico dove è presente una connessione internet condivisa) che sfruttano la ricezione WI-Fi.

Impianto fotovoltaico

Grazie all’uso di pannelli fotovoltaici essi sono del tutto indipendenti a livello energetico. Agli elementi di arredo urbano potranno quindi essere collegati per la ricarica computers, cellulari o tablet tramite porte USB.

Interfaccia Web

In dotazione esse possono avere un terminale bluetooth, un’interfaccia web per scaricare news, informazioni turistiche, mappe, free e-books e per fare l’upload di documenti e file audio. Una vera e propria stazione di lavoro a forma di panchina!! Ma la panchina può contenere sensori ambientali, per la misurazione di temperatura, umidità, pressione e di presenza, o capaci di misurare passaggi, sedute o, infine, rilevatori di inquinamento, che captano la presenza di CO2: tutti dati che possono essere inviati e gestiti da remoto per gli usi più disparati.

Illuminazione led

Le panchine possono anche essere dotate di un sistema avveniristico di illuminazione a led con il quale le persone possono interagire scegliendone il colore o l’intensità della luce.

Un relax tecnologico.

Mediante l’uso delle nuove innovazioni tecnologiche l’arredo urbano può essere traformato in un piacevole momento di relax durante il quale disporre di una vera e propria postazione di lavoro.

Molti di questi accessori possono essere inseriti sugli elementi di arredo urbano dalle forme più disparate e con materiali differenti quali acciaio, calcestruzzo o legno. E importante che il progettista ci fornisca l’obbiettivo che intende perseguire nel suo progetto e il budget che la committenza può sostenere.

Gli sviluppatori dell’hardware e del software si occuperanno poi di fornire la manutenzione e l’assistenza annuale comprensiva oltre agli interventi da remoto, degli eventuali aggiornamenti hardware e software

Richiedi un preventivo

Telefono

(393) 91.13.971

Email

info@caseedesign.it.com

Argo plus, il piccolo diventa grande

La contessa Minuto si era appena svegliata. Croissant e the oppure un sorso di Calvados con una buona cioccolata calda? L’idea di trasformare Argo, il suo splendido cestino in qualcosa di più spettacolare la solleticava alquanto. Argo plus, un cestino, il cestino!!! Dal balcone del suo loft a Torino immaginava Piazza San Carlo già cosparsa di questi cestini. Forse a causa del clima umido, probabilmente per i raggi di sole che ne illuminavano gli scorci. Sicuramente l’arredo urbano avrebbe avuto una marcia in più. La sua collezione di arredo urbano Cuneo e arredo urbano Torino non sarebbe stata mai così fantastica. Che dire? L’eccitazione si faceva strada e non vedeva l’ora di mettersi uno Chanel e scendere per le vie della sua amata città. Sognava o era desta? Sicuramente quella era una giornata fantastica!!!

La creazione di Argo Plus.

La rivelazione con il conte Orazius le riscaldava ancora il cuore. Forse tutte quelle linee le erano di conforto. Sembra che in quei momenti il cestino le si fosse apparso distintamente per poi svanire. Perchè si chiedeva. Forse era necessario rivedere la sua amata piazza. Probabilmente non era salutare rimanere sempre chiusa nel suo castello in collina. La città doveva essere vissuta se si voleva realizzare una grande collezione di arredo urbano. Ecco che allora, dopo una rapida colazione scese le scale con in mano ancora il suo foulard Hermes; quasi avesse fretta. Si trovò ben presto nell’atrio del suo palazzo e si rese conto di non essersi neanche specchiata!!! Orribol, pensò. D’alto canto l’arredo urbano Torino era in cima ai suoi pensieri. Qualche piccola svista nel suo abbigliamento non sarebbe poi stata così significativa.

Argo Plus si manifesta.

Aprì il portone. Pesantissimo!! Il barocco era fatto di oggetti pesanti e lei era in vena di leggerezza. Argo plus doveva rispecchiare questa sua predisposizione, questa leggiadra armonia. I cestini non sarebbero più stati gli stessi. L’arredo urbano sarebbe cambiato definitivamente con la comparsa di questo nuovo elemento. Stava passeggiando sotto i portici, tra le varie boutiques e vedeva con stupore ed apprensione quanto tutto fosse così dozzinale. Forse non si era mai pensato ai cestini. Probabilmente l’arredo urbano Torino avrebbe dovuto fare un salto di qualità. Ma che sciocca? Aveva lasciato a casa i suoi occhiali da sole. Era imperativo entrare da Gucci e comprarne alcuni paia. Una giornata così non poteva essere vissuta senza il giusto contorno. Già che c’era una sosta al caffè San Carlo era d’obbligo.