Seleziona una pagina

La Scarpa Turca

 

Tra Via Cigna e Via Cervino è stata inaugurata nel 2017 la realizzazione di un intervento di riqualificazione urbana denominato il “Giardino La Scarpa Turca”. In esso, come in tanti altri progetti, si sono scelti elementi di arredo urbano di nostra produzione con un design sobrio ma di grande impatto.

 

Gli elementi di arredo urbano utilizzati sono i seguenti:

La Scarpa Turca

Turca? Ho capito bene? Come di ce Wikipedia quando parla di questa nazione ogni cosa ha una sua funzione. Probabilmente bisognava agire proprio così. In primo luogo perchè era bello. Forse ancora difficile ma il risulato certo. L’arredo urbano Torino ne avrebbe sicuramente giovato. Certo creare un ambiente studiato proprio per il giardino la scarpa turca era cosa non semplice. Comunque bisognava pur impegnarsi? Qindi si deci di prendere una decisione nel più breve tempo possibile. Bisognava creare elementi di arredo urbano, belli, confortevoli e molto piacenti. Sicuramente la Minuto qualcosa in pentola ce l’aveva ed era l’ora di metterla in pratica. 

Torino e l'arredo urbano

Dopo queste lunghe dissertazioni decise di scendere nel parco ed immaginarsi come la scarpa turca potesse prendere forma. Il progetto era ambizioso e l’arredo urbano Torino doveva essere all’altezza di quel compito. Probabilmente sarebbe stato visto da tutto il modo!!! Per cui perchè non realizzare qualcosa di veramente innovativo? Bisognava lasciare le cose al caso? No!!! Sicuramente. E poi tutti sapevano che l’arredo urbano di cui essa era proprietaria disponeva di una divisione custom . Quindi bisognava pur farla funzionare. Perbacco. In primo luogo perchè doveva andare a pieno regime. In secondo luogo perchè anche l’arredo urbano Cuneo ne avrebbe giovato.

Arredo urbano Piemonte

Probabilmente però, pensare alla sola Torino era un po’ poco. Anche il Piemonte e l’arredo urbano sarebbero stati grati di quelle decisioni. Ecco che allora decise di prendere una delle sue solite bottiglie di champagne e di iniziare a sorseggiarlo. Sicura che il tutto le avrebbe permesso di avere nuove visioni e che il principe Orazius non si sarebbe fatto attendere.